Siamo finalmente entrati nella settimana più spaventosa dell’anno, ed è ormai tradizione, come accade dal 1990, che la penna geniale di Matt Groening ci regali uno spaccato dell’universo Simpson in occasione proprio della ricorrenza di Halloween nel celebre ciclo de La paura fa novanta.

Ma quali sono gli episodi più belli e avvincenti tra tutti gli speciali Halloween della serie tv?
Sono state scelte le puntate, le cui storie sono una parodia o fanno riferimento ai più rinomati e popolari successi della letteratura e del cinema horror: partiamo!

Il corvo

La paura fa novanta I (St. 2 Ep. 3)
Come già anticipato dal titolo, l’intera storia è tratta dall’omonima poesia di Edgar Allan Poe, maestro del genere horror nella cultura letteraria.
L’ambientazione è cupa e tetra, proprio come ci viene descritta dall’autore, e Homer, il protagonista, è in preda a crisi di angoscia e tormento.
Dalla finestra entra il corvo impersonato da Bart che, invece di pronunciare le agghiaccianti parole “mai più”, come accade nella poesia, relative al ricordo di Lenore (Marge), strombazza “ciucciati il calzino”.

Dracula di Bart Simpson (Dracula di Bram Stoker)

La paura fa novanta IV (St. 5 Ep. 5)
Il romanzo di Bram Stoker e la trasposizione cinematografica di Francis Ford Coppola hanno scritto una pagina epocale nell’universo horror e, ovviamente, non poteva mancare l’imitazione nella serie americana.

La famiglia Simpson viene invitata dal signor Burns nel suo castello in Pennsylvania (chiaro riferimento alla Transilvania, regione d’origine di Dracula).
Sorgono in Lisa i primi sospetti, che non si fida dell’anziano padrone di casa e che inizia ad agire secondo la sua natura, uccidendo Bart.
La giovane Simpson intuisce che l’unico modo per salvare il fratello è sopprimere Burns.
Nonostante la morte del vecchio, Bart rimane vampiro e Marge si svela essere il vero capovampiro.

The shinning (Shining)

La paura fa novanta V (St. 6 Ep. 6)
Come Dracula, anche Shining è un colossal del genere, prima col romanzo plasmato dal genio indiscusso di Stephen King del 1977, e poi tre anni dopo con l’opera cinematografica di Stanley Kubrick, divenuta celebre anche per la sensazionale interpretazione di Jack Nicholson.

Homer viene assunto dal signor Burns come custode della sua dimora e si trasferisce con tutta la famiglia.
Per garantirsi l’operosità del suo vigilante, il signor Burns decide di staccare il cavo della televisione e di svuotare la dispensa di alcolici.
Così, Homer in preda alla disperazione impazzisce e, dopo aver avuto la visione di Boe il barista, decide di massacrare la sua famiglia con un’ascia.
Bart, grazie alla sua “luccicanza” riesce a chiamare in suo aiuto il giardiniere Willie avente lo stesso potere.
Homer uccide Willie e, mentre sta inseguendo la famiglia vicino al labirinto della tenuta, ritrova il televisore portatile del giardiniere e placa i suoi istinti omicidi.

Incubo a Evergreen Terrace (Nightmare-Dal profondo della notte)

La paura fa novanta VI (St. 7 Ep. 6)
Altro grande cult del cinema è la storia terrificante di Freddy Krueger, un personaggio che entra di diritto nell’albo degli antagonisti più terrificanti e che ha segnato intere generazioni con le caratteristiche lame affilate al posto delle dita.

E’ il giardiniere Willie a interpretare il serial killer nella serie e come arma non può che avere il rastello.
Come nella pellicola cinematografica, Willie appare soltanto nei sogni dei ragazzi, impotenti di agire durante il sonno e colpevoli di essere i figli di coloro che lo bruciarono vivo in una caldaia abbandonata.
Bart e Lisa decidono di rimanere svegli ma sfortunatamente si addormentano e incontrano il terribile omicida sottoforma di enorme cornamusa.
A salvare i fratelli ci pensa nientepopodimeno la piccola Maggie che si sbarazza di Willie tappando con il suo ciuccio la valvola di sfiato della zampogna.

Frinkenstein (Frankenstein)

La paura fa novanta XIV (St. 15 Ep. 1)
Come suggerisce il titolo, la narrazione dello speciale Halloween della quindicesima stagione è una parodia del leggendario romanzo di Mary Shelley Frankenstein, scritto nel 1816.

Il professor Frink vince il premio Nobel, ma nonostante l’importante traguardo raggiunto non è facile a causa della mancanza del padre, morto qualche anno prima.
L’intento dello scienziato è quello di riportarlo in vita attraverso l’energia elettrica.
L’esperimento va a buon fine ma Frink senior stanco di doversi alimentare con numerosi cavi e tubi decide di sterminare la gente, impossessandosi degli organi vitali che gli interessano.
Durante la cerimonia di premiazione il povero scienziato, artefice della tragedia, decide di eliminare il padre con un calcio nei genitali.

La zona Ned (La zona morta)

La paura fa novanta XV (St. 16 Ep. 1)
Il protagonista della puntata è Ned, che dopo un forte trauma cerebrale si munisce accidentalmente di uno strano potere: predire la morte di coloro che entrano in contatto con lui.

L’opera a cui la vicenda fa riferimento è di Stephen King e si intitola La zona morta, uno dei primi romanzi concepiti dall’autore statunitense.
Inizialmente vengono presagite le morti del dottor Hibbert e dell’Uomo Talpa (e quando mai!) e quella di Homer che nella visione viene ucciso proprio da Ned che riesce a eludere la tentazione.
Tuttavia, la scena che prevede Ned è ancora peggiore della prima: l’esplosione della centrale nucleare e la conseguente scomparsa della città proprio per opera di Homer.

A causa di un mal funzionamento del microfono della cabina della centrale, Homer capisce l’opposto delle parole pronunciate dal suo vicino di casa “Premi il bottone”, e così facendo, gli abitanti di Springfield si ritrovano in paradiso alla fine dell’episodio.

Attività anormale (Paranormal Activity)

La paura fa novanta XXIII (St. 24 Ep. 2)
Nella ventiquattresima stagione, un segmento dello speciale di Halloween è dedicato al primo film della saga di Attività paranormali, targato Oren Peli.
Come indica il titolo, nella casa della famiglia Simpson, durante la notte, accadono strani eventi e Marge compie singolari azioni.

Homer decide di installare nella propria casa alcune telecamere per capire cosa accade durante le ore notturne.
Nel finale, compare un demone con le sembianze di Boe e spiega i suoi comportamenti: durante l’adolescenza Marge e le sue sorelle l’avevano invocato e aveva promesso a loro che sarebbe tornato trent’anni più tardi per ritirare il suo compenso, la cosa più cara a Marge, la piccola Maggie.

The others

La paura fa novanta XXV (St. 26 Ep. 4)
Il film è del 2001 e nei panni della protagonista troviamo l’affascinante Nicole Kidman, madre di due bambini affetti da una curiosa malattia e che li costringe a vivere perennemente lontano dalla luce solare.
Nella casa in cui vivono avvengono singolari episodi e i tre domestici della villa sembrano nascondere qualcosa.

Nella parodia di Matt Groening, la famiglia Simpson a causa delle strane vicende decide di organizzare una seduta spiritica dove si mostrano i fantasmi con le sembianze simile a quella loro ma fisicamente diversi, identici alla loro prima apparizione.
Tutti i componenti muoiono per vari motivi e nel finale, Lisa si domanda come sarebbero le altre incarnazioni della famiglia.
Se la trama è basata sul celebre film thriller, nel finale sono numerose le citazioni a serie tv e anime come One piece, Naruto, Pokemon e L’attacco dei giganti.

L’e-sor-cista (L’esorcista)

La paura fa novanta XXVIII (St. 29 Ep. 4)
Homer compra accidentalmente un souvenir iracheno su amazon, una vecchia statuetta che rappresenta un antico demone di nome Pazuzu.
La storia è tale e quale al celebre film e, proprio come nella pellicola cinematografica, il demone si impossessa della piccola Maggie.
A soccorrere la famiglia Simpson ci pensa un giovane prete esperto di esorcismo.
Al termine dell’episodio Pazuzu viene scacciato dal corpo di Maggie ed entra in quello di Bart.
Ma qualcosa va storto: Bart è già crudele e perfido (come sempre!) di suo e il demone non riesce a sopportare tale malvagità.

Componi “D” per delitto perfetto o premi “#” per tornare al menù principale

La paura fa novanta XX (St. 21 Ep. 4)
Infine, arriva la ciliegina sulla torta. Alfred Hitchcock.
Un genio assoluto e artista del cinema dell’orrore.
Sono tantissimi e tutti famosi i film generati dal suo estro e ingegnosità: Psycho, Io ti salverò, Vertigo (La donna che visse due volte), Intrigo internazionale, La finestra sul cortile, Gli uccelli.

Nella parodia dei Simspon, i riferimenti sono molteplici e citano quasi tutti i film detti prima.
I protagonisti sono Bart e Lisa e vogliono vendicarsi con le loro insegnanti per alcuni torti subiti; il fratello propone una vendetta incrociata, Lisa deve assassinare la professoressa Caprapall, mentre Bart si deve occupare della signorina Hoover.
Nella scena è presente anche un cameo speciale di Hitchcock e l’intera puntata è in bianco e nero, in ricordo del maestro del brivido.

Il mio compito termina qui.
Adesso, se non l’avete fatto fino ad ora, andate subito a recuperare gli episodi dei Simpson e i favolosi classici horror a cui fanno riferimento.
Se non ascoltate il mio consiglio meritate di fare la fine dell’Uomo Talpa.
Buona visione e… ciucciatevi il calzino!


More in:Film&SerieTV

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *