La ragazza nella nebbia è il nuovo thriller italiano, scritto da Donato Carrisi, conosciuto soprattutto per aver scritto Il suggeritore.

Per rimanere in tema thriller, ti consigliamo L’ultimo respiro dello scrittore di Luigi Martinuzzi.

Trama

Nella tranquilla cittadina di Avechot nel nord d’Italia, una giovane ragazzina di sedici anni è scoparsa.

L’agente speciale Vogel è stato incaricato di indagare sulla faccenda. Sembrerebbe un allontanamento volontario, ma più si va avanti con le indagini più il mistero si infittisce.

La giovane Anna Lou è stata rapita? Chi potrebbe averla rapita? Qual è il movente?

Ad affianco Vogel, c’è il giovane agente speciale Borghi. Egli ha terminato da poco l’accademia, ed è emozionato di affiancare l’agente Vogel, dal momento che è famoso per la risoluzione di vari casi. Sarà all’altezza del suo compagno?

La ragazza nella nebbia: recensione

Ho imparato che esistono due frangenti di tempo in cui fare le cose. L’adesso e il dopo.

Rimandare può sembrare saggio, a volte c’è bisogno di ponderare bene le situazioni e le possibili conseguenze.

L’agente speciale Vogel è il protagonista de La ragazza nella nebbia. Il suo incarico è quello di risolvere un caso di sparizione. Anna Lou, una sedicenne dai capelli rossi, è scomparsa due giorni prima di Natale. Inizialmente si pensa a un allontanamento volontario. Tuttavia, col proseguio della lettura, più si teme il peggio per la giovane.

Anna Lou è una ragazza dall’animo buono, frequenta la parrocchia, aiuta i più bisognosi. Ama molto i gatti e vorrebbe tanto adottarne uno. Una ragazza limpida e pura. Oppure nasconde un oscuro segreto?

Nel frattempo un giovane agente Borghi, appena uscito dall’accademia, lavora accanto al vecchio Vogel. Dai primi scambi di battute si percepisce subito il diverso modo di investigare dei due agenti: Borghi è fresco di accademia, segue alla lettera ciò che gli hanno insegnato, è ancora ingenuo. Vogel ha come obiettivo quello di ingraziarsi i media e ripulire la sua reputazione. Non gli interessa la verità.

Vogel non è il classico agente dell’FBI. Manovra il caso e le indagini a seconda delle sue intenzioni, quello che gli interessa è apparire in TV anche se a rimetterci è una ragazzina di sedici anni.

La vicenda di La ragazza nella nebbia è raccontata da diversi punti di vista: l’agente special Vogel, Flores lo psichiatra della cittadina di Avechot e il professore Martini.

Inizialmente la narrazione è sotto tono e lenta; ma quando essa passa dal punto di vista del professore, acquista maggior interesse.

Chi è il professor Martini? Un uomo onesto, incorruttibile, il quale si è trasferito ad Avechot con sua moglie e sua figlia da pochi mesi. Insegna letteratura nella scuola che frequenta Anna Lou.

Ripete sempre una frase ai suoi studenti:

Il male è il vero motore di ogni racconto. Un romanzo o un film o un videogame in cui tutto va bene non sarebbe interessante… ricordate: è il cattivo che fa la storia.

Carrisi spinge il lettore a porsi tanti interrogativi sul caso, sull’agente Vogel ma non solo.

Cosa è davvero successo ad Anna Lou?

Un thriller ricco di suspense, colpi di scena e un finale inaspettato. Proprio quando penserete di essere vicini alla verità questa vi sfuggirà come i granelli di sabbia portati via dal vento sul palmo di una mano.

Una trama ben intrecciata, il mistero che circonda la cittadina di Avechot si fa sempre più fitto. Le ultime pagine vi daranno una scarica di adrenalina che non dimenticherete.

In conclusione si può dire che questo thriller è adatto agli amanti del genere.

Piccola curiosità: su netflix trovate il film ispirato al libro e il registra è proprio Donato Carrisi.

More in:Film&SerieTV

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *