I Nirvana sono stati un gruppo grunge statunitense, nato nel 1987 e attivo fino alla morte del frontman, cantante e chitarrista, Kurt Cobain. I loro brani, sia dal punto di vista sonoro che per quanto riguarda i testi, presentano un carattere molto aggressivo e, a tratti, una spiccata bipolarità. Vediamo il significato di Lithium dei Nirvana, il brano che più rappresenta questo loro aspetto.

Nirvana: la nascita del grunge

Il genere musicale dei Nirvana attinge a piene mani da radici prevalentemente rock, hard rock e punk. Il loro stile è una reinterpretazione esasperata dei generi presenti all’epoca. Il loro sound caratteristico a dato origine a quello che oggi viene definito grunge.

Il grunge quindi non è un genere ben identificabile e distinguibile dal rock, è piuttosto una sua variante poiché gli strumenti utilizzati sono pressoché gli stessi. Troviamo infatti una batteria molto aggressiva, come anche il basso. Lo strumento padrone di questo genere continua ad essere la chitarra elettrica, carica di distorsione e molto presente nel mix.

Ciò che accomuna le band grunge tra loro è principalmente l’intenzione che trasmettono nei loro brani. Il grunge è un genere forte, di protesta, molto simile al punk sotto certi aspetti, ma con strutture molto più simili al rock, però esasperate.

Altra caratteristica principale del grunge è la spiccata musicalità e le melodie ben costruite e ridondanti. Non è raro infatti trovarsi ad ascoltare tre minuti interi di canzone in cui si ripete lo stesso riff. Un esempio può essere “Something in the Way” dei Nirvana, se facciamo riferimento a loro.

Per concludere, i Nirvana rappresentano una delle “tre vie del grunge”, assieme ai Pearl Jam e agli Alice in Chains.

La voce del grunge

Sempre prendendo come esempio i Nirvana, non possiamo non parlare della voce incredibile di Kurt Cobain. Le urla graffianti e cariche di rabbia del cantante danno un’atmosfera a dir poco iconica a tutti i brani del gruppo. Kurt si immedesima perfettamente in ogni parola che dice.

Cobain incarna in sé stesso il pieno spirito di questo genere musicale, anche all’infuori della carriera da musicista. Lui è un tutt’uno con i testi, con la musica, con la sua chitarra. Il suo carattere eclettico e bipolare si rispecchia a pieno in quello che fa, nel bene e nel male.

La sua è stata un’immagine così tanto rappresentativa che oggi sarebbe a dir poco impossibile immaginare gli anni ’90 senza pensare a lui. La sua voce può essere considerata in tutto e per tutto la voce del grunge, la voce di un desiderio di libertà soffocata e di rabbia.

Significato di Lithium: la “firma di Kurt Cobain”

Lithium rappresenta a pieno la personalità di Kurt, perfettamente bipolare, bisognoso di redenzione. La canzone parla della storia di un uomo che scopre la religione come ultimo rifugio dopo la morte della sua ragazza. Il nome della canzone è appunto attribuito all’uso del litio come stabilizzatore dell’umore.

Infatti il testo è spesso interpretato come una descrizione del disturbo bipolare. Cobain stesso affermava di essere affetto da un disturbo bipolare e per questo avrebbe scritto la canzone. Tuttavia, ci sono molti punti d’incertezza riguardo alla corretta interpretazione del testo. Possiamo comunque considerare Lithium come la “firma di Kurt Cobain” in quanto ritroviamo in essa ogni aspetto del suo carattere.

«…I like it, I’m not gonna crack

I miss you, I’m not gonna crack

I love you, I’m not gonna crack

I killed you, I’m not gonna crack…»

(Lithium-Nirvana)

Dal punto di vista musicale, il brano si presenta con una struttura piuttosto semplice. La melodia principale delle strofe, malinconica e inusuale, incarna l’indecisione e la stranezza di Kurt e del gruppo intero. È poi nel ritornello che tutto si carica per esplodere in un “dibattito di contrasti” in cui tutto diventa il contrario di tutto.

Sentimenti di felicità, tristezza, amore, odio si scontrano e si abbracciano tra loro accerchiati dalla distorsione confusa e prepotente al sapore di litio. È proprio quest’ultimo l’unico modo per mettere ordine in questa totale e disperata confusione. Confusione che ha, purtroppo, portato alla morte Cobain nel ’94, alla sola età di 27 anni.

More in:Musica

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *